Extempore fotografica “Romans Langobardorum 2013”

CONCORSO FOTOGRAFICO

“EXTEMPORE ROMANS LANGOBARDORUM – edizione 2013”

 

VERBALE DI GIURIA

 

La Giuria del concorso, riunitasi in data 18 ottobre 2013 alle ore 17:30 presso il Centro Civico di Lucinico (Go), presenti i giurati:

  • Giovanni VIOLA, Delegato FIAF per la Provincia di Gorizia;
  • Enzo TEDESCHI, Fotografo;
  • Federico ZORZENON, Vicepresidente “Invicti Lupi” A.C.D.S. di Romans d’Isonzo (Go),

ed Enzo GALBATO, con funzioni di Segretario di Giuria, non votante.

Dopo lungo e attento esame delle opere (21 fotografie per 06 partecipanti), accompagnato da approfondite valutazioni tecniche e di contenuto e dal necessario e costruttivo confronto dialettico tra i giurati, esprime le valutazioni seguenti:

il PRIMO PREMIO viene assegnato all’opera dell’Autore “Andrea Mocchiutti”, con la seguente motivazione:

 

Per la capacità di aver colto il momento decisivo della lotta”.

 

Il SECONDO PREMIO viene assegnato all’opera dell’Autore “Enrico Sverzut”, con la seguente motivazione:

 

“Per il taglio dato all’immagine ed aver saputo cogliere l’espressività del soggetto”.

 

Il TERZO PREMIO viene assegnato all’opera dell’Autore “Claudio Dovier”, con la seguente motivazione:

 

“Per aver saputo comporre l’immagine rendendola molto espressiva”.

 

Viene, inoltre, SEGNALATA l’opera dell’Autore “Fulvio Michelus”.

 

L’abbinamento tra le immagini premiate/segnalate dalla Giuria ed i nominativi degli Autori sarà effettuato a cura del Presidente dell’Associazione “Invicti Lupi” A.C.D.S. di Romans d’Isonzo (Go).

Lucinico (Go), 18 ottobre 2013

Il Segretario di Giuria

Enzo GALBATO

 

Primo Premio – Andrea Mocchiutti

Andrea Mocchiutti

 

Secondo Premio – Enrico Sverzut

Enrico Sverzut

Terzo Premio – Claudio Dovier

Claudio Dovier

Segnalazione – Fulvio Michelus

Fulvio Michelus

Convivium Langobardorum cum Skuldhais

Prima esperienza molto positiva di cena Longobarda.

Sabato 26 l’Associazione Invicti Lupi si è sperimentata nel settore della gestione ed animazione di una serata a tema; in questo caso cercando di rievocare il mito, il fascino e la coerenza storica di un convivio Longobardo.  Al pubblico presente è stato portato uno spaccato di storia coinvolgente e interattivo, un modo di vivere la storia in ogni suo aspetto, anche nelle particolarità e nei dettagli che talvolta vengono tralasciati. Quindi non un mera lezione ed esposizione delle proprie conoscenze, ma un vivere nella totalità questo mondo, immergendosi ognuno nei propri ruoli (capo della fara, arimanni, arimanne, scaptor, servi, aldii, etc) per cercare di dare una visione storica e dal vivo al pubblico presente.

Sono state presentate varie peculiarità di questo magnifico popolo: l’abilità nel combattimento; le dimostrazioni di forza fisica; le faide; l’atteggiamento verso la servitù; il cerimoniale di un convivio; i rapporti uomo-donna; storia, mito e leggenda attraverso vari racconti; la musica; la scarsa disciplina; la facile corruttibilità; il fatto di essere più simili ai popoli delle steppe che non alle popolazioni germaniche; paganesimo e cattolicesimo nel loro convivere come culti presenti tra i guerrieri nel VII secolo; i rapporti con “il vicinato” romano e avaro per quanto riguarda il nostro ducato; e molto altro ancora. Chiaramente essendo protagonisti di una sperimentazione, di un portare al pubblico delle possibili ipotesi ricostruttive e non la verità assoluta, visto che nessuno la possiede.

In conclusione un ottimo banco di prova per l’Associazione, il primo di una lunga serie di ulteriori serate in diversi luoghi e contesti. Invitiamo coloro che siano interessati a sviluppare assieme a noi serate o giornate del genere a contattarci. Presto foto e video dell’evento.

In conclusione un grande ringraziamento a coloro che hanno partecipato come ospiti e commensali, un ringraziamento ai miei Invicti Lupi, un grande ringraziamento al mio Scaptor Gairo, un ringraziamento agli amici dell’Associazione e al gruppo musicale Clan Petrie che hanno collaborato con noi per rendere questa serata un successo.

Ed infine vorrei ringraziare la Dottoressa Marialuisa Cecere dell’Accademia Jouffré Roudel per l’importantissima collaborazione e supporto storiografico nella ricerca degli alimenti e delle bevande longobarde e nella realizzazione del cerimoniale.

 

1379580_10202287731983988_1087786448_n

 

Inaugurazione parco didattico e giornata associativa

Grande weekend con i miei Invicti Lupi.
Sabato l’inaugurazione del parco didattico presso la necropoli di Romans d’Isonzo. Primo esempio in Italia di parco a questo tema che ora vedremo di valorizzare al massimo dal punto di vista didattico e turistico. Complimenti a chi ha creduto ed investito in questo progetto 
E poi ieri giornata di campo storico presso lo Iudrio per festeggiare (anche se in ritardo) i 2 anni dell’ associazione tra combattimenti, pranzo longobardo curato dal nostro chef Stefano, attività con i cavalli (grazie Katja e soci), momenti ludici con il branco di 3 lupi, e una splendida compagnia  tutto corredato da un servizio video del nostro Eberhart e da uno fotografico del sempre presente Amok,uno dei migliori senz’ombra di dubbio.

Presto vedrete i frutti del nostro lavoro che continuo veloce e inesorabile  la “valanga” Invicti Lupi continua la sua avanzata con concretezza e serietà; il fumo non fa per noi, lo lasciamo volentieri ai finti maestri.

 

02

Szigethalom (Ungheria)

Tornare alla terra dei tuoi avi, da dove qualche generazione prima il tuo popolo era partito, ha un immenso fascino. Ritornare in Pannonia per un Longobardo ha un fortissimo impatto emotivo e spirituale. Un legame mai sciolto con queste enormi pianure che il tuo popolo aveva conquistato… Questa la riflessione antica dello sculdascio Grimoaldo…

La riflessione moderna di Matteo vuole raccontarvi di una tre giorni fantastica con i proprio Invicti Lupi sul suolo pannonico presso Emese Park. Lì grazie al valore dimostrato sudando e faticando sul campo di battaglia ci siamo conquistati il rispetto di molti amici ungheresi lì a rievocare avari, slavi e vichinghi. I legami più forti si creano con il sudore, la fatica, i colpi dati e ricevuti, con il dare e ricevere fiducia nelle linee di battaglia, con gli abbracci e i complimenti reciproci dopo essersi confrontati con le armi in pugno, dimostrando il proprio valore con i fatti e non solo con le parole come alcuni sono soliti fare.
E’ meraviglioso sentirsi dire di avere migliorato la loro visione del combattente italiano. Purtroppo come non dargli retta in quanto se penso solo al mondo longobardo italiano esistono solo due gruppi (noi e la Militia Sancti Michaeli) fautori di combattimenti qualitativamente validi per gli standart europei.
E’ sul loro campo di battaglia adattandomi al loro stile (bellissimo l’eastern style con consentiti i colpi in testa; soprattutto dopo aver acquistato un vero elmo valido per il full contact, non come il mio vecchio troppo fragile e insicuro) che ho dimostrato il valore degli Invicti Lupi.

Un’enorme grazie a Zsigmond per averci invitato e a tutta l’organizzazione di Emese Park. Buonissima la cucina ungherese, la loro palinka, il meraviglioso parco didattico, l’ospitalità, le ragazze, tutto insomma!
Soon I will return in this wonderful place called Hungary! 

La porta dell’Est è stata aperta con il valore sul campo di battaglia e ciò porterà sicuramente ad arricchire anche Romans Langobardorum in quanto ne vedrete delle belle. 
La nostra strada è sempre meglio tracciata, i nostri amici ne gioiranno, i nostri nemici invece presto pagheranno.

Szigethalom 

Riflessioni

Continuo a pensare al fatto che certi personaggi potrebbero iniziare a farsi un po’ di affari propri invece di andare in giro a sputtanare gratuitamente un’Associazione come la mia, ossia i miei Invicti Lupi, che lavora con serietà ed impegno dimostrando sul campo il proprio valore e non riempiendosi la bocca di parole e fumo.
Io le cose le vengo a sapere, sappiatelo, mi fa ridere questa gente inutile che continua a fare l’ipocrita a tutto spiano facendosi bella e amicona davanti agli occhi di tutti e poi nella realtà comportandosi meschinamente. E’ proprio un atteggiamento da pezzenti. Io nemmeno mi giro più, sono nettamente superiore a queste stronzate, però gente come voi rovina l’ambiente rievocativo, sappiatelo. Invece di investire tempo a sputtanare gente che lavora e si fa il culo, non potreste investirlo per migliorare voi stessi e il vostro gruppo, che di cose da migliorare ne avete parecchie? Ogni volta che reputo non succeda più, risaltate fuori come zecche…
Più vi ignoro e più sentite la necessità di romperci le balle usando la lingua per sputtanare e dire solo stronzato, mi fate proprio ridere, se volete vi mando una foto con autografo da appendere come santino visto che sono il vostro pensiero fisso ahahah!!!

fuoco

Il ritorno dei Longobardi a Villar San Costanzo

Un fine settimana bellissimo con i miei Invicti Lupi a Villar San Costanzo per la rievocazione storica “Il ritorno dei Longobardi”!
Posto meraviglioso e d’incanto; grandi e bei amici in loco come quelli de L’Arc e degli altri presenti; un folto ed interessato pubblico; una rievocazione da protagonisti dove abbiamo portato agli occhi di tutti il percorso che stiamo facendo per dare risalto a questo periodo storico. Grazie di nuovo ai ragazzi de L’Arc per averci fatto vivere alla grande queste giornate; grazie ai ragazzi di Urru Delle Steppe e delle altre compagnie presenti per oltre bellissimo, divertente, scherzoso e fraterno clima creato; grazie a Cristiano per i magnifici prodotti creati per noi e per aver finalmente avuto tempo per una sana chiacchierata; grazie a Yuri ed altri amici per essere passati a trovarci; grazie a nonno Marco per i nostri diverbi e battaglie in loco che hanno sicuramente coinvolto la gente; grazie alla Pro Villar per la logistica che non ci ha fatto mancare nulla; grazie a Sonia e ai molti altri fotografi per tutti gli scatti fatti; grazie a tutti coloro che si sono complimenti con noi e vi prometto che miglioreremo ancora, abbiamo molte idee ancora da sviluppare; grazie a tutti coloro che hanno condiviso la nostra festa di compleanno dell’associazione il sabato sera; grazie ai miei ragazzi (Federico,Yari,Isabella,Nicola,Franz,Gianluca) per il viaggio, l’impegno e l’entusiasmo di fare, grazie a voi e alla vostra fiducia in me avremo ancora molto ma molto altro da dire.

Villar San Costanzo

Romans Langobardorum

E’ andata con successo! La prima edizione di Romans Langobardorum ha fatto il pieno di gente ieri ed anche oggi nonostante il tempo c’e’ stata buona affluenza. Che dire… ora che ho finito di sistemare le ultime cose e che sto rientrando a casa, ora che la mia mente finalmente stacca dopo aver lavorato al 1000% per far quadrare tutto,cosi a caldo posso dire di essere enormemente soddisfatto. La rievocazione e’ stata la perfetta dimostrazione di Volere e’ Potere. La dimostrazione perfetta di cio’ che sono gli Invicti Lupi ovvero un’associazione che dimostra sul campo e non solo a parole il suo valore.
Sono state giornate piene e mi scuso con tutti gli amici e le amiche che sono venuti a trovarci e ai quali non sono riuscito a dedicargli del tempo se non per dei rapidi saluti. scusatemi ma sicuramente vedro’ di rimediare  grazie di nuovo ai gruppi Militia Sancti Michaeli, Raven’s Army e L’Arc che ora son in viaggio e di strada ne hanno parecchia. Gruppi di rievocazione che assieme a noi hanno portato al pubblico un’immagine molto reale di arimanni e arimanne. E poi devo ringraziare i nostri relatori che hanno portato il pubblico ad interessarsi a questo mondo con delle conferenze coinvolgenti e non con un linguaggio destinato a una cerchia ristretta. Grazie quindi a Nicola Bergamo Marco Salvador Manca Vinazza e gli altri.
Questa rievocazione e’ stata la perfetta dimostrazione delle nostre potenzialita’ e della nostra capacita’ di concretizzare.
E poi un’enorme grazie agli Scussons, specialmente a Ivaldi Calligaris e Germano Pupin, persone fondamentali.
E grazie ad Amok ( Elisabetta Sbisà), sul palco mi son dimenticato di citarti quando ho fatto i ringraziamenti. Grazie a te abbiamo realizzato la mostra fotografica, l’extempore, abbiamo iniziato a coinvolgere molti altri fotografi e abbiamo anche chi ha cercato di copiare la nostra idea non riuscendoci! ahahah

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato, collaborato e sostenuto. Romans Langobardorum si prepara gia’ alla seconda edizione.
E’ ricordatevi di diffidare delle imitazioni!

Romans Langobardorum (1)