Pubblichiamo alcuni scatti di domenica 28 aprile, giornata nella quale abbiamo allestito un’esposizione didattica presso il castello di Gorizia in occasione dell’evento Contea – Profumi di cultura europea organizzato dal Comune di Gorizia con Pro Loco Gorizia.

Vogliamo ringraziare gli organizzatori e gli amici dei gruppi storici Avar Project e KD Vespesjan che hanno portato in esposizione riproduzioni dei popoli avari e romani.

Reputiamo sia importante far conoscere la storia del colle di Gorizia prima della fondazione ufficiale della città nel 1001. La storia non si crea dal nulla, ma è figlia degli avvenimenti precedenti. Conoscendo ciò che accade prima, possiamo comprendere meglio gli avvenimenti successivi.

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato all’evento!

Szigethalom (Ungheria)

Tornare alla terra dei tuoi avi, da dove qualche generazione prima il tuo popolo era partito, ha un immenso fascino. Ritornare in Pannonia per un Longobardo ha un fortissimo impatto emotivo e spirituale. Un legame mai sciolto con queste enormi pianure che il tuo popolo aveva conquistato… Questa la riflessione antica dello sculdascio Grimoaldo…

La riflessione moderna di Matteo vuole raccontarvi di una tre giorni fantastica con i proprio Invicti Lupi sul suolo pannonico presso Emese Park. Lì grazie al valore dimostrato sudando e faticando sul campo di battaglia ci siamo conquistati il rispetto di molti amici ungheresi lì a rievocare avari, slavi e vichinghi. I legami più forti si creano con il sudore, la fatica, i colpi dati e ricevuti, con il dare e ricevere fiducia nelle linee di battaglia, con gli abbracci e i complimenti reciproci dopo essersi confrontati con le armi in pugno, dimostrando il proprio valore con i fatti e non solo con le parole come alcuni sono soliti fare.
E’ meraviglioso sentirsi dire di avere migliorato la loro visione del combattente italiano. Purtroppo come non dargli retta in quanto se penso solo al mondo longobardo italiano esistono solo due gruppi (noi e la Militia Sancti Michaeli) fautori di combattimenti qualitativamente validi per gli standart europei.
E’ sul loro campo di battaglia adattandomi al loro stile (bellissimo l’eastern style con consentiti i colpi in testa; soprattutto dopo aver acquistato un vero elmo valido per il full contact, non come il mio vecchio troppo fragile e insicuro) che ho dimostrato il valore degli Invicti Lupi.

Un’enorme grazie a Zsigmond per averci invitato e a tutta l’organizzazione di Emese Park. Buonissima la cucina ungherese, la loro palinka, il meraviglioso parco didattico, l’ospitalità, le ragazze, tutto insomma!
Soon I will return in this wonderful place called Hungary! 

La porta dell’Est è stata aperta con il valore sul campo di battaglia e ciò porterà sicuramente ad arricchire anche Romans Langobardorum in quanto ne vedrete delle belle. 
La nostra strada è sempre meglio tracciata, i nostri amici ne gioiranno, i nostri nemici invece presto pagheranno.

Szigethalom