Responso extempore fotografica “Romans Langobardorum, scorci dal passato – 2018”

Responso ex-tempore fotografica “Romans Langobardorum 2018 – Scorci dal passato”

In data 6 ottobre 2018 si riunisce la giuria composta da 3 membri e così suddivisa:
giuria fotografica (qualità e tecnica delle foto presentate) – Felice Cirulli e Daniele Potente
giuria storica (verifica coerenza delle foto presentate nel contesto storico) – Matteo Grudina

Vengono presentate 49 fotografie di 10 autori differenti.
Si procede nel seguente modo:
– Le foto vengono visualizzate su di uno schermo di computer;
– Tutte le foto vengono inserite mescolate in un’unica cartella e si procede ad una prima scrematura;
– Delle foto rimanenti si procede ad una seconda e terza scrematura selezionando le migliori 12 che andranno a comporre il calendario 2020 dell’Associazione Invicti Lupi;
– Vi è una terza scrematura delle foto dalla quale ne emergono 6 reputate per qualità, composizione, contesto, migliori delle altre;
– Tra queste 6 si procede alla proclamazione delle prime 3 classificate e di 3 segnalazioni.

Il verdetto è il seguente:

Il podio è così composto:

Primo posto
Autore Elio Ravalico 

E’ stato colto molto bene il momento di serenità conviviale, la luce che illumina i soggetti regala emozione e introduce l’osservatore all’interno della scena

Secondo posto
Autore Ermes Cabas


Il gesto del guerriero viene descritto in maniera convincente e fa immaginare il contesto nel quale egli si trova ad agire

Terzo posto
Autore Ermes Cabas


Buona la luce sul soggetto in primo piano e la composizione guida lo sguardo verso la cerimonia che si sta sviluppando di fronte allo stesso.

Vengono segnalate le seguenti tre foto:

Autrice Sabrina Macci


Un’immagine che si presenta ben composta e dinamica. La luce che colpisce il soggetto lo evidenzia in maniera efficace. Peccato per il piccolo errore di composizione sul bordo destro che avrebbe potuto essere tagliato o rimosso.

Autrice Sabrina Macci 


Buona composizione che descrive la composta marcia dei guerrieri evidenziando l’allineamento degli scudi. La mancanza di contrasto appiattisce l’immagine rendendola statica.

Autore Andrea Mocchiutti 


Il movimento dato dall’intreccio delle lance rende bene l’enfasi dello scontro ma la ripresa eccessivamente frontale sacrifica il dinamismo della composizione.

 

Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 1 =